Connettiti con noi

Italia

Il 2020 di Tedua non poteva iniziare meglio

Tedua si prenderà il nuovo anno se sarà in grado di reggere il paragone con ‘’Mowgli’’. Il cucciolo d’uomo è cresciuto.

‘’Mowgli’’ fu probabilmente il miglior disco del 2018. Ancor prima del ritorno di Marracash con ‘’Persona’’, Tedua diede nuova vita al concept album, in un periodo di relativa crisi dello stesso. Ogni traccia di quel progetto respirava di un ambiente, quello della giungla urbana, disegnato alla perfezione dall’artista di Cogoleto.

Non c’era nulla di scontato, nulla di già sentito, nulla di assimilabile a qualsiasi altro disco. Come ogni disco di spessore, ha avuto una vita lunga. Andava ascoltato diverse volte, assimilato, apprezzato in tutte le singole sfumature.

Il paradosso del capolavoro

C’è un paradosso quando si fa un lavoro quasi perfetto. Da un lato, c’è il sentimento della soddisfazione: la sensazione del sedersi e poter dire a sé stessi di aver dato il massimo, allo scopo di confezionare un prodotto artistico di livello. Ma non c’è solo questo, perché, a prescindere dal grado di fiducia in sé stessi, il difficile viene proprio ora.

Hai fatto il massimo, hai dato tutto, hai scritto il tuo colossal, sei riuscito a creare un album organico in cui nessuna traccia risulta fuori luogo. E adesso? Ora devi fare i conti con il tuo stesso successo. Devi guardarti indietro e capire che tutto quello di buono che hai fatto fino ad ora è paradossalmente tuo nemico. Più che un metro di paragone, hai un’impresa da emulare.

Il punto di partenza è che i fan, me compreso, sono ‘’spietati’’. Dopo che tu artista hai dato loro 100, pretenderanno ALMENO 100, perché se hai raggiunto la perfezione una volta, devi essere in grado di ripeterti e di creare progetti di un livello almeno eguale. Non è così, perché la creatività è solo in parte controllata dalla volontà dell’artista.

Riscrivere un colossal, ritrovare un concept di tale livello, riuscire a creare un prodotto armonioso in tutte le sue componenti: tutto questo non è facile. Soprattutto perché sai che, da un certo punto di vista, ‘’devi’’ farlo.

Anche lo stesso Marracash si ritroverà dopo questo disco a dover fare i conti con il suo stesso capolavoro. Come scrivi un album migliore di ‘’Persona’’? Difficile, forse impossibile. Anche qui parliamo di quello che è il miglior disco nell’anno solare. Anche qui, c’è il solito ostacolo, perché tutti si aspettano un capolavoro all’altezza di un progetto tanto maestoso.

La gara con sè stessi è la più bella ed affascinante che possa esistere, ma anche la più difficile: è la sfida più grossa per ogni artista. Ma se per Marra non ha davvero senso parlare di un post ‘’Persona’’, perché siamo ancora nel pieno della vita di questo progetto, per Tedua è tempo di nuovo disco, perché sì, ‘’Mowgli’’ è un album ancora vivo, ma è pur vero che sono passati due anni.

Lo ha confermato anche nel suo ‘’2020 freestyle’’, con cui ha inaugurato l’anno. Un modo per tornare e per annunciare nuova musica attraverso il mezzo comunicativo più efficace: la musica stessa.

Tedua si prenderà il 2020?

Il freestyle significa diverse cose: è l’annuncio del nuovo disco, è un’affermazione di status, è il recupero dell’estetica e dell’attitudine di ‘’Orange County’’ e della giungla urbana di ‘’Mowgli’’, è un avvertimento ai colleghi. Ha usato il modo più efficace possibile per annunciare di voler prendere il 2020 per i denti.

Ed è coraggioso farlo così, perché se tutto va come deve andare quest’anno ritornano pezzi ‘’abbastanza’’ grossi, tra Sfera Ebbasta, Luchè, Guè Pequeno e tanti altri.

Ma non solo. ‘’2020 Freestyle’’ significa soprattutto mettere ancora al primo posto la musica e poi tutto il resto. Non è scontato, quando quella che era una passione diventa un business. Il tutto assume un senso diverso, perché c’è un sogno che alimenta il percorso ed è lo stesso che si sentiva vivo e vegeto nell’iconica ‘’Intro’’ di ‘’Orange County’’. Più volte lo aveva detto Mario: ‘’non ho più un piano B’’.

Ascolta ora Intro Orange County

Il rap è tutto, è la via di uscita da una vita normale. ‘’Di un impiego serio me ne frego, / mi ero detto tempo or sono, ora guarda dove sono’’: la differenza con gli altri non è tanto nel mestiere, quello dell’artista, ma nell’approccio, orientato alla magia e alla ricerca della poesia.

Non è affatto facile, lo ripeto. Aiuta in questo avere un obiettivo, cioè quello di essere ‘’un rapper migliore’’, e Tedua promette che lo sarà. Aiuta anche la possibilità di avere una nuova visione, perché ‘’solo dall’alto puoi avere una prospettiva’’.

Tedua ha detto qualche tempo fa che Marracash ha alzato l’asticella. Ma nei fatti, il paragone più duro è sempre quello con il proprio lavoro precedente. Tedua si prenderà il nuovo anno se sarà in grado di reggere il paragone con ‘’Mowgli’’. Superarsi sarà la chiave di volta per la vittoria.

Il cucciolo d’uomo è cresciuto. Nel 2020 dovrà dimostrare di non aver perso la poesia della giungla. Chi ben comincia è a metà dell’opera, e Tedua non poteva cominciare meglio.

Ascolta ora 2020 Freestyle

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter

Popolari

Fedez ha provato a spiegare la sua strategia senza riuscirci

Italia

Nipsey Hussle Nipsey Hussle

Chi era Nipsey Hussle?

Estero

Come funziona un tour europeo?

Italia

Come si ottiene il permesso per un sample?

Italia

Come cambierà la musica con la nuova legge europea?

Lifestyle

Rkomi, ci è piaciuto il disco?

In Evidenza

marracash guerra marracash guerra

La guerra di Marracash

Italia

Fotoromanzo: Capo Plaza

Italia

Connettiti
Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter