Connettiti con noi

Italia

Il feat che vorrei: Massimo Pericolo – Noyz

Dopo un ’19 ricco di soddisfazioni, Noyz e Vane potrebbero dar vita ad una delle collaborazioni più interessanti del panorama. A dispetto di chi rema contro di loro.

Per arrivare a Noyz e Massimo Pericolo conviene partire da Marracash. Fra le prime barre di “Persona”, il rapper della Barona sintetizza con efficacia il leit motiv del 2019: “Civil War dei rapper, Thaurus e Machete”.

Un’immagine concisa e incisiva, che restituisce perfettamente l’attuale assetto del rap game italiano: due collettivi e due esperienze di riferimento che si contendono il primato.

THAURUS E MACHETE

Non mancano i casi di trasformismo e i punti di contatto, ma sotto certi aspetti entrambe le realtà si sono affermate per negazione dell’altra; hanno il rispettivo zoccolo duro di rapper in prima linea, con una determinata visione e background, diverse fan base e un immaginario ben definito.


Quest’anno in particolare, il campo di battaglia che ha separato per mesi i due fronti è stato animato da due combattenti: “MM4” del collettivo Machete e il producer album di Night Skinny “Mattoni”. I progetti hanno monopolizzato a lungo il dibattito tra il pubblico; uno scontro che si riproporrà in diversi bilanci, ora che la fine dell’anno si avvicina.

MASSIMO PERICOLO E NOYZ NARCOS


Più che riaprire il paragone, può essere stimolante riprendere le prove più rappresentative dei due dischi, per ritornare così al punto di partenza. A questo punto diventa difficile non pescare dal mazzo le carte di Massimo Pericolo e Noyz Narcos.

Guarda ora: Star Wars

La strofa del primo in “Star Wars” (“MM4”) non contiene soltanto lo slogan dell’anno nella skit dell’anno (“Ho cagato a casa di Marra”), ma ha fatto da faro per la parte di pubblico slegata dalla dimensione Machete, invogliandolo con materiale pulsante, asciutto e finemente sguaiato a entrarvi.

La vibe che lega Noyz a TNS ha assestato numerosi scossoni nel disco del producer. Il rapper romano non solo firma l’ossatura dell’album, ma incarna in pieno lo spirito del progetto, diventando l’irrinunciabile prolungamento vocale e lirico dell’idea di Skinny.

Guarda ora: Street advisor

Buona parte della forza dei due progetti porta la loro firma. A partire da questo primo punto di contatto, si può ragionare su un secondo incontro per il futuro.

DIVERSITÀ E CONTATTI

La prospettiva di un featuring tra Noyz e Massimo Pericolo potrebbe risultare per alcuni poco sorprendente. In realtà darebbe vita a qualcosa di davvero sentito e pregnante, a dispetto di qualsiasi formula precotta e strofa insipida. Il rischio del giudizio a priori c’è, soprattutto da parte dei fan meno esperti: dal loro punto di vista, uno parla di galera, l’altro di quartiere, il gioco è presto fatto.

Niente di più semplicistico.
Perché sí, entrambi vantano una credibility ben definita. Ma così simile?

Guarda ora: Sabbie d’oro

Parlare di una medesima street attitude pare una forzatura, nel senso che i due rapper vivono e raccontano l’assetto urbano e il loro status in modo differente anche dal punto di vista temporale.

STORIA E FUTURO

Narcos ha una nomea monolitica, una storia che parla da sè, una lunga carriera alle spalle. Ma è Massimo Pericolo a ricorrere spesso “al passato” per strutturare la componente testuale e dar forza al suo impatto.

D’altro canto, la sua storia è il suo marchio di fabbrica, l’elemento che gli ha dato una grossa spinta per affermarsi ed elevarsi nel rap game con una chiave drill differente. Il suo presente è, dialetticamente, legato al suo ieri: un fattore che si respira in ogni barra, riscontrabile anche in Noyz, ma con meno aderenza al fatto circoscritto (nel caso di Massimo, il carcere).

Anche nel proporre la quotidianità troviamo uno scarto a separarli. C’è oscillazione tra realismo crudo e sporco, tra truci sequenze e storytelling blues a seconda dell’occasione. Provincia e Capitale, silenzio e traffico, vetri fumé e vetri rotti di bottiglia. Anche la tendenza al citazionismo tradisce la differenza generazionale.

Andrebbe poi aperta una corposa parentesi sulle sfumature nel rappato della sfera emotiva, in entrambi viva nonostante due declinazioni particolari, soprattutto in termini di esposizione. Ma basta un ascolto più consapevole di entrambi per accorgersene.

Insomma, non siamo di fronte a due doppioni. C’è sicuramente una maggior sosta sulle differenze per il fatto che siamo più abituati a Narcos e meno a Pericolo. Ma la possibilità di un’intesa è da ponderare proprio perché ci sarebbe arricchimento reciproco, un quid in più offerto da entrambi. Cosa che non succede con due rapper fatti a stampino: la co-incidenza non aggiunge nessuno spigolo.

LETTURE INGIUSTIFICATE

Noyz è storicamente e colpevolmente associato da tempo alla stessa minestra. In realtà, chi conosce la sua produzione sa che non c’è niente di più lontano dal vero. Non bisogna confondere il fatto di essere il migliore a fare una certa cosa con il saper fare solo quella.

Guarda ora: Sinnò me moro

Curioso il fatto che anche Pericolo stia attirando su di sé queste opinioni. C’è discussione attorno alla sua capacità effettiva di reinventarsi. Se per Noyz queste credenze non hanno attecchito negli orecchi più esperti, sarà sempre il tempo a dare a Massimo la possibilità di dimostrare il contrario.

D’altro canto il primo sta vivendo una seconda giovinezza, il secondo ha fatto il botto con un rap dirompente e personale che ben si presta ai cambi di stile. Aspirare ad un feat è lecito, anche sperando in un cortocircuito sul beat.

Una sfida per entrambi, per dimostrare che portare qualcosa di familiare con il passare delle uscite non è sinonimo di piattume, ma di cifra stilistica solida e al passo con l’evoluzione musicale. Soprattutto, di una personalità che non si lascia diluire dalle scelte di comodo, ma fa quello che sente, come e quando vuole. In questo, Narcos e Massimo hanno molto in comune.

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter

Popolari

Fedez ha provato a spiegare la sua strategia senza riuscirci

Italia

Nipsey Hussle Nipsey Hussle

Chi era Nipsey Hussle?

Estero

Come funziona un tour europeo?

Italia

Come si ottiene il permesso per un sample?

Italia

Come cambierà la musica con la nuova legge europea?

Lifestyle

Rkomi, ci è piaciuto il disco?

In Evidenza

marracash guerra marracash guerra

La guerra di Marracash

Italia

Fotoromanzo: Capo Plaza

Italia

Connettiti
Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter