Connettiti con noi

Italia

“C’est la vie” è un brano necessario

La parabola artistica di Achille Lauro non ha precedenti nell’hip-hop italiano. “C’est la vie” è un’ulteriore evoluzione del suo stile.

La parabola artistica di Achille Lauro non ha precedenti nell’hip-hop italiano: i primi due album erano sì di strada, ma con una spiccatissima nota di riflessione esistenziale, mentre  in “Ragazzi Madre” impera la nuda descrizione di quella realtà, senza tentativi di idealizzazione e accompagnata da sonorità, talvolta violente, che conferiscono al disco un’aura di pesantezza che non poteva essere replicata senza essere ripetitiva.

Ascolta ora “Ragazzi Madre”

Infatti, con “Pour l’Amor” Achille e Boss Doms osservano dall’alto il disco precedente, trasformano la descrizione di una realtà concreta in invito alla riflessione mascherato da un velo di leggerezza, che sembra quasi la parodia dello stile di vita che si è soliti esaltare nel rap.

Ma nemmeno un album come questo poteva essere replicato. I due artisti avevano come unica possibilità il ritorno a testi più consistenti e sonorità meno estive per non rischiare di auto-svalutarsi. La partecipazione a San Remo ha segnato l’ennesimo cambio di direzione, con un brano dalle sonorità inedite per il duo e che può riassumersi nella frase «non è vita, è rock and roll».

Con “C’est la vie” hanno fatto un passo ulteriore: è vero che il tono è analogo ai brani di riflessione che compaiono fin dal primo album, ma lo fa in modo nuovo: già come in “Rolls Royce”, la strada non c’è più e, come Achille stesso ha spiegato su Telegram è «un semplice tentativo di fermare uno stato d’animo. La visione cinica dell’amore visto come il dare a qualcuno la possibilità di ucciderti e sperare che non lo faccia». L’arrangiamento musicale, coerentemente con il tema, sembra un richiamo alla tradizione della canzone italiana e il rap cede il passo a strofe più propriamente cantate.

L’evoluzione di Achille è avvenuta in modo coerente, analizzando da diverse prospettive tutte le sfumature della strada, ma ora ne è uscito e può dedicarsi a una musica più sofisticata: se “Rolls Royce” ha ricordato a molti Vasco, a “C’est la vie” si può individuare come antecedente nobile “Verranno a chiederti del nostro amore” per sensibilità e originalità.

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter

Popolari

Fedez ha provato a spiegare la sua strategia senza riuscirci

Italia

Nipsey Hussle Nipsey Hussle

Chi era Nipsey Hussle?

Estero

Come funziona un tour europeo?

Italia

Come si ottiene il permesso per un sample?

Italia

Come cambierà la musica con la nuova legge europea?

Lifestyle

Rkomi, ci è piaciuto il disco?

In Evidenza

marracash guerra marracash guerra

La guerra di Marracash

Italia

Fotoromanzo: Capo Plaza

Italia

Connettiti
Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter